Recensioni

Pubblicato il 6 marzo 2020 | da Valerio Caprara

0

Marie Curie/Picciridda – Con i piedi nella sabbia/Bunuel – Nel labirinto delle tartarughe

Nel rispetto delle disposizioni contenute nel Decreto del Presidente del consiglio dei ministri con misure riguardanti il contrasto e il contenimento del diffondersi del Coronavirus, alcune sale programmano nuovi titoli anche nella nostra città. Il più ambizioso dei quali è senz’altro “Marie Curie”, una coproduzione tra Francia, Germania e Polonia uscita nei paesi d’origine qualche anno fa, ma solo oggi distribuita in Italia purtroppo in coincidenza con le inevitabili controversie sulla forza e i limiti della ricerca scientifica: con battagliero spirito femminista la regista e sceneggiatrice tedesca Marie Noelle Sehr vi rievoca, infatti, la figura di Marie Sklodowska, laureata in fisica e matematica, prima donna titolare di cattedra alla Sorbona e l’unica vincitrice di due Nobel nei diversi campi della fisica e della chimica che consacrò la vita insieme al marito Pierre Curie agli studi sulle sostanze radioattive. Scartando i canoni del biopic integrale, il film si concentra sugli anni parigini tra il 1905 e il 1911, i più drammatici della vita della scienziata perché straziata dalla morte accidentale del marito e collaboratore si abbandonò a una appassionata relazione con un collega sposato con quattro figli affrontando lo scandalo provocato dall’ambiente bigotto e conservatore dell’epoca e rafforzato dai veleni del nazionalismo e l’antisemitismo. Tutto bene per quanto riguarda l’apprezzabile e elegante ricostruzione e le motivate interpretazioni (a cominciare da quella della protagonista polacca Gruszka, rossa indomita e sensuale), ma il tono e lo stile non riescono a elevarsi al di sopra dello standard privo di mordente dei kolossal televisivi impegnati alias didascalici, colpa elusa, per esempio, dalla classe superiore di Polanski in “L’ufficiale e la spia” dedicato al quasi coevo affare Dreyfus.

Gli stessi difetti, purtroppo evidenziati dal basso budget e la mano ancora incerta, si riscontrano in “Picciridda – Con i piedi nella sabbia”, in cui l’esordiente Licata mette in scena sulla base dell’omonimo romanzo di Catena Fiorello (alla sceneggiatura ha collaborato anche Ugo Chiti) una melodrammatica odissea al femminile immersa nella retrograda atmosfera della Sicilia di fine anni Sessanta. Le relazioni pericolose pietrificate nell’isola di Favignana si attorcigliano progressivamente attorno alla decenne Lucia e all’autonoma e combattiva nonna Maria a cui è stata affidata quando la famiglia è stata costretta a emigrare in Francia: personaggio, quest’ultimo, non troppo inedito a cui, peraltro, una brava attrice come Lucia Sardo conferisce una ruvida ma insinuante malia. Peccato che l’approccio scabro e austero alle leggi scritte e non scritte di una società (contraddittoriamente) un po’ esecrata e un po’ rimpianta, non eviti qualche scivolata in un’inutile enfasi. Mentre davvero insolito e molto divertente è il lungometraggio d’animazione “Bunuel – Nel labirinto delle tartarughe” che racconta le avventurose peripezie delle riprese di “Las Hurdes – Terra senza pane”, l’unico documentario girato in Spagna con mezzi di fortuna in soli due mesi nella primavera del 1932 dal giovane Bunuel, già portabandiera del surrealismo anarchico in Francia tornato per l’occasione nella sua terra d’origine. Trasposto da un’ingegnosa graphic novel, la sarabanda di disegni animati supportati da immagini documentarie originali rappresenta con adeguati fantasia e ritmo la pervicace, istrionica, ossessiva volontà di don Luis di realizzare il suo impervio progetto in una regione condannata a una condizione primitiva e miserabile. In questo modo l’abile inserimento degli elementi biografici del futuro maestro riesce a farli risaltare, come non accade mai nei film di routine, come componenti linguistiche anziché come pittoreschi aneddoti.

MARIE CURIE

BIOGRAFICO – FRANCIA/GERMANIA/POLONIA 2016

Regia di Marie Noelle. Con Karolina Gruszka, Arieh Worthalter, Charles Berling, Izabela Kuna

——

PICCIRIDDA – CON I PIEDI NELLA SABBIA

DRAMMATICO – ITALIA 2019

Regia di Paolo Licata. Con Lucia Sardo, Ileana Rigano, Katia Greco, Tania Bombaci

——

BUNUEL – NEL LABIRINTO DELLE TARTARUGHE

ANIMAZIONE – SPAGNA/OLANDA/GERMANIA 2018

Regia di Salvador Simò

Condividi su




Torna su ↑
  • Old Movies Project

    Old Movies Project
  • Film Commission

    Film Commission
  • Archivi

  • Facebook

  • Ultimi Video – Five – Fanpage

  • Ultimi Tweet

  • Link amici