Recensioni

Pubblicato il 23 settembre 2017 | da Valerio Caprara

0

L’equilibrio

L’equilibrio Valerio Caprara
soggetto e sceneggiatura
regia
interpretazioni
emozioni

Sommario: Degradata cittadina dell'hinterland napoletano, ai giorni nostri. Il nuovo sacerdote, sin troppo inflessibile nel volere servire a tutti i costi giustizia e verità, deve scontrarsi duramente con il pervasivo dominio camorristico, la rassegnazione dei parrocchiani e soprattutto il saggio e smaliziato pragmatismo del predecessore.

2.5


Giudicando “L’equilibrio” è giusto sottolineare il coraggio con cui Marra, autore intenso votato al docudramma, ha puntato su un attore inedito al cinema, ma dirompente e carismatico in palcoscenico come il drammaturgo e regista Mimmo Borrelli ammirato e premiato per le messinscene dei suoi atipici testi “’A sciaveca”, “Napucalisse” o “Sanghenapule”. Rinunciando ai cliché del filone noir napoletano, il film è impreziosito dall’uso strategico dei piani sequenza (circa novanta) che accompagnano il nuovo parroco don Giuseppe interpretato da Borrelli nell’impatto con lo stato di soggezione in cui è tenuta la comunità di un paese dell’hinterland. Il fulcro dei suoi tormenti spirituali e materiali sta nel rapporto con il predecessore don Antonio, incarnato con ammirevole aderenza da Roberto Del Gaudio, che conosce a fondo il territorio e sa fin dove può spingersi nell’opposizione al dominio camorrista. Tratto da un mix di storie vere (al cui proposito è importante cercare di recuperare il doc “Salicelle Rap”, battente bandiera tedesca ma girato dalla brillante regista napoletana Carmen Tè), il film soffre di qualche aggiunta forzata –il caso di pedofilia ispirato agli orrori di Caivano- ma riesce a trasmettere il senso di situazioni spaventose, ma in qualche modo tragicamente trascendenti il solito compitino di protesta contro stato e chiesa. Se alla fine, inoltre, il pubblico può avvicinarsi all’essenza e non alla superficie dell’inevitabile scontro tra un concetto astratto di fede e la pragmatica tutela del bene di una comunità, il merito va soprattutto attribuito alla perizia con cui un one-man-show come Borrelli è stato messo in grado di racchiudere la propria imponente (in senso metaforico e non) personalità nelle pulsazioni di un percorso spirituale che nutrono il film più della trama.

L’equilibrio

Con: Mimmo Borrelli, Roberto Del Gaudio, Lucio Giannetti, Autilia Ranieri, Paolo Sassanelli

Drammatico. Italia 2017

Condividi su

Tags: , , , ,




Torna su ↑
  • Old Movies Project

    Old Movies Project
  • Film Commission

    Film Commission
  • Archivi

  • Facebook

  • Ultimi Video – Five – Fanpage

  • Ultimi Tweet

  • Link amici