Recensioni

Pubblicato il 21 dicembre 2017 | da Valerio Caprara

0

50 primavere

50 primavere Valerio Caprara
soggetto e sceneggiatura
regia
interpretazioni
emozioni

Sommario: La Rochelle, Francia, oggi. La cinquantenne vedova con figli Aurore si trova ad affrontare contemporaneamente gravi impasse esistenziali, ma riesce a tenere duro ricorrendo alle doti di coraggio, sensibilità e autoironia d'impronta femminile.

3


Ancorché percepibile appieno da una sensibilità femminile, “50 primavere” è un film girato in punta di cinepresa che aggira i lati malinconici della vita a beneficio di qualsiasi platea. L’auto-cronaca divagante tra inquietudini e consapevolezze di Aurore, cinquantenne separata alle prese con disavventure lavorative, problematiche delle figlie e vampate della menopausa, include qualche cliché e sbrigatività di stile, ma riesce a trasmettere lo spaesamento di tutti coloro (maschi e femmine) che si ritrovano come fulminati dall’impatto con snodi esistenziali ahinoi inevitabili, oltre che prevedibili.

In sintonia con lo spirito della regista Lenoir, femminista non dogmatica o furente, l’interpretazione della Jaoui vitalizza i momenti sottotono e modera quelli sopra le righe conferendo all’analisi psicologica una freschezza non comune e ai contraccolpi nostalgici un’accattivante autoironia. Supportato senza farsene intimidire dallo spezzone di un’intervista all’antropologa Héritier e un flash del classico del melodramma “E’ nata una stella” di Wellman, il film chiude in bellezza facendo scorrere i titoli di coda sulla trascinante Ain’t Got No, I Got Life cantata da Nina Simone.

50 PRIMAVERE

Regia: Blandine Lenoir

Con: Agnès Jaoui, Thibault de Montalembert, Pascale Arbillot

Genere: commedia. Francia 2017

Condividi su

Tags: , , , , ,




Torna su ↑
  • Old Movies Project

    Old Movies Project
  • Film Commission

    Film Commission
  • Archivi

  • Facebook

  • Ultimi Video – Five – Fanpage

  • Ultimi Tweet

  • Link amici