Recensioni

Pubblicato il 28 marzo 2018 | da Giuseppe Cozzolino

0

Speciale Home Video: AUGURI PER LA TUA MORTE

AUGURI PER LA TUA MORTE

A cura di Andrea Coco
Un curioso thriller e al tempo stesso un tributo ai meravigliosi anni Ottanta

Avete preso pop corn e  lattine di Coca Cola? Allora mettetevi comodi e godetevi lo spettacolo. Ma prima di iniziare è obbligatorio porsi una domanda: morire è la cosa peggiore? O esiste qualcosa di peggio? La risposta potrebbe fornirla proprio la protagonista principale del film: Tree Gelbman (Jessica Rothe), studentessa di un college americano tanto bella quanto odiosa, che non esita ad usare la sua avvenenza fisica per ottenere tutto ciò che desidera e, come non bastasse, fa parte di un gruppo di ragazzine salutiste altrettanto insopportabili.

Tree è l’archetipo delle ragazze snob che allontanano tutti, genitore compreso. Ma proprio per quelle come lei la punizione è spesso in agguato. Il giorno del suo compleanno,  inizia alla grande, con tanto di pancake offerto dalla sua compagna di stanza, Lori Spengler (Ruby Modine), ma si conclude con la sua morte violenta in un parco, ad opera di un individuo che porta sul volto una maschera raffigurante il volto di un bambino, la mascotte dell’Università.
Ma la storia non finisce qui, perché lei si risveglia esattamente nella stessa stanza, quella di Carter Davis (Israel Broussard), lo studente che ha rimorchiato la sera prima, e  la mattina dello stesso giorno: lunedì 18 settembre.
La ragazza in un primo tempo è solo spaesata ma quando vede che ogni cosa attorno a lei si ripete esattamente così come era già avvenuta,  prova una forte sensazione di dejà vu e la sera decide, quindi, di cambiare percorso, evitando il parco solitario, ma il suo sforzo si rivelerà inutile. Finirà nuovamente uccisa e si risveglierà nello stesso letto, nella stessa stanza, alla stessa ora e soprattutto nello stesso giorno.
Il secondo risveglio per Tree sarà ancora più traumatico del primo perché oramai risulta chiaro che dovrà rivivere la medesima situazione, ancora ed ancora. Decide allora di confidarsi con la sua compagna di stanza, Lori, che le consiglia di prendersi un giorno di riposo, niente lezioni, proposta che lei coglie per tentare di modificare l’iter della giornata. Inutilmente.
Nonostante i suoi tentativi di modificare lo svolgimento dei fatti, la conclusione rimane uguale, dato che anche il suo assassino modifica il suo comportamento, adeguandolo alle circostanze. I numerosi decessi, tuttavia, serviranno a Tree per capire quanti errori ha commesso fino a quel fatidico giorno e come “quell’incidente” potrebbe costituire l’occasione giusta per rivedere il suo stile di vita.
“Auguri per la tua morte” è un horror ideale per quanti amano storie dove l’intreccio narrativo, la suspense, il thriller predominano sul lato splatter della sceneggiatura. La tensione non è data dallo spargimento di sangue, ma da un iter che sembra senza via di uscita, che si ripete drammaticamente uguale, senza disdegnare un tocco di ironia nella definizione delle situazioni e dei personaggi.

A supporto del film, giungono anche i contenuti speciali presenti sia nel DVD che nel Blu-Ray, tra cui “Il Finale alternativo” (una vera sorpresa per lo spettatore), le “Scene eliminate” (dal film) , “Le tante morti di Tree” (ovvero in che modo concludere la propria esistenza) e “Il peggior compleanno di sempre” dove, mediante le interviste fatte al regista (Christopher Landon), al produttore (Jason Blum) e agli attori, è possibile conoscere quali sono stati i criteri utilizzati per creare e mantenere sempre interessante una storia, che ha una struttura narrativa circolare. Un lavoro riuscito grazie alla bravura degli attori che hanno saputo interpretare in modo sempre diverso e adatto alla circostanza la medesima scena.
Nel filmato “Dietro la maschera: i sospettati” viene spiegato come è stata scelta la maschera dell’assassino (un volto di bambino ideale perché bizzarro, inquietante e sinistro) e viene descritta la personalità di Tree, ben interpretata dalla protagonista. Jessica Rothe, in grado di inpersonare tre personaggi in uno: la studentessa egoista e viziata, la ragazza disperata sull’orlo di una crisi di nervi per quanto sta vivendo, la fanciulla bisognosa di affetto e desiderosa di riconciliarsi con il mondo.
“Auguri per la tua morte” si rivela essere, pertanto, un degno erede della produzione cinematografica degli anni Ottanta, quando spirava un vento di maggiore fiducia nel futuro e si poteva pensare che, come nel film “Ombre rosse” alla fine sarebbero arrivati “i nostri” a salvarci.
E non poteva mancare una lezione morale, rivelata dalla stessa Tree: “Sai il buffo? Se vivi lo stesso giorno in continuazione… inizi a capire veramente chi sei”.

AUGURI PER LA TUA MORTE
(Titolo originale: Happy Death Day)
Regia: Christopher Landon
Con Jessica Rothe, Israel Broussard, Ruby Modine, Rachel Matthews, Charles Aitken, Rob Mello, Phi Vu, Caleb Spillyards, Jason Bayle, Laura Clifton, Cariella Smith, Tran Tran, Blaine Kern III, Dane Rhodes, Tenea Intriago, Missy Yager.
Thriller, orrore, commedia. Stati Uniti d’America, 2017
Casa di produzione: Blumhouse Productions, Digital Riot Media
Distribuzione (Italia): Universal Pictures

Condividi su




Torna su ↑
  • Old Movies Project

    Old Movies Project
  • Film Commission

    Film Commission
  • Archivi

  • Facebook

  • Ultimi Video – Five – Fanpage

  • Ultimi Tweet

  • Link amici